Bullismo omofobico: perché è importante parlarne a scuola?

dott.ssa S. Bosatra

In questo articolo propongo un approfondimento sul bullismo omofobico, un tema protagonista di molti attuali interventi di educazione sessuale e affettiva negli istituti scolastici, che però hanno sollevato un aspro dibattito pubblico, nonché politico e religioso, sul valore educativo dei contenuti proposti e sull’adeguatezza della scuola come luogo deputato. In seguito a una necessaria premessa sulle caratteristiche del bullismo omofobico, vorrei porre l’attenzione su come l’ambiente idoneo a questo tipo di interventi, data la natura del fenomeno, debba essere necessariamente la scuola.

Continua a leggere

Annunci

Lo Sportello Famiglia di Regione Lombardia: che “gender” di servizio è?

dott. C. Baggini

Come molti lettori sapranno, a partire dal 12 settembre 2016 – in concomitanza con la ripresa delle lezioni scolastiche – è attivo in Regione Lombardia lo “Sportello Famiglia”, ribattezzato fin da subito dalla stampa e dagli stessi assessori promotori dell’iniziativa “sportello anti-gender nelle scuole”. In che cosa consiste questo servizio statale e come funziona?

Continua a leggere

La strage di Orlando – una riflessione

dott.ssa A. G. Curti

Quanto segue è una riflessione, che vorrei il più possibile libera e critica, sui fatti accaduti ad Orlando lo scorso dodici Giugno. Vorrei specificare, per quanto magari in modo superfluo, che si tratta di pensieri personali, di difficilissima esposizione, data la delicatezza – un eufemismo! – del tema, che impone un rispetto, un garbo e un tatto che difficilmente si riesce ad avere, specie per chi, come me, non scrive per professione.

Continua a leggere

Omofobia: la paura del “diverso”

dott.ssa S. Salvaneschi

Si avvicinano i giorni della manifestazione Gaypride in tutta Italia e, come ogni anno, i preparativi e l’entusiasmo con cui la comunità LGBT affronta questo evento sono oscurati da promesse di contromanifestazioni provenienti da un universo cultural-politico che ancora non accetta e riconosce che non è quello eterosessuale l’unico orientamento sessuale possibile.
E’ proprio in queste circostanze, in cui le controversie circa la liceità delle manifestazioni quali il Gaypride imperversano, che più spesso si sente parlare di omofobia, ovvero dell’avversione che alcune persone manifestano nei confronti della comunità LGBT.
In questo articolo mi  sembra opportuno dunque definire  l’omofobia e delineare l’impatto che essa ha sulle persone LGBT  attenendomi a quello che è l’aspetto psicologico, sebbene questo costituisca solo uno dei molti ambiti nei quali una società omofobica produce  effetti,  in conseguenza del proprio pregiudizio.

Continua a leggere